25 settembre 2017

Open - Andre Agassi {Recensione no-spoiler}

Buongiorno a tutti ragazzi, bentornati sul blog!!

Finalmente è arrivato il momento di parlare di QUEL libro, il libro che non avrei mai pensato di leggere nè tantomeno di comprare, perché non mi piace lo sport, e non mi piacciono le biografie... e invece eccomi qua, a consigliare a TUTTI quanti, l'autobiografia di uno dei più famosi tennisti nel mondo: Open di Andre Agassi. Credetemi, perdersela è un peccato!

Open Andre Agassi Recensione no spoiler felice con un libro

Titolo: Open
Autore: Andre Agassi
Editore: Einaudi
Data pubblicazione: 2009
Pagine: 493

RECENSIONE

Questa volta cari lettori non posso accennarvi la trama del libro, perché la trama non c'è.
In Open è raccontata una vita, ed a raccontarcela è proprio colui che l'ha vissuta. Agassi riesce a trasformare il suo viaggio nel mondo in un'esperienza adrenalinica, emozionante, ma soprattutto intima. 
Andre riesce non solo a farci vivere le sue avventure, le sue vittorie e le sue sconfitte, ma ci fa entrare nella sua mente. Ci fa conoscere gioie e dolori, speranze e timori, svela le bugie che racconta agli altri e anche quelle che racconta a se stesso.

Ho pensato spesso a cosa possa aver significato per Agassi scrivere questo libro. Lui è un personaggio famoso, un campione acclamato e imitato in tutto il mondo, paparazzato dai giornalisti, lodato ma anche criticato dai media. Eppure ha deciso di mettersi a nudo scrivendo Open. Ha avuto fegato, e posso capire perché l'uscita di questo libro sia stata uno shock per moltissime persone; però, secondo me, più di ogni altra cosa, per Andre deve essere stato un sollievo.
È riuscito a prendere una grande matassa di fili intrecciati, fatti di azioni e pensieri, di un'intera esistenza umana e a sbrogliarli; e poi li ha messi su carta.

E credetemi se vi dico che leggerlo è stato un sollievo anche per me. È come se questo libro avesse aiutato anche me stessa a sbrogliare un po' dei miei pensieri.

In particolare mi ha aiutata moltissimo a ricordare i motivi per cui tutti i giorni lotto per i miei obiettivi, a rimboccarmi le maniche e a dare il meglio, anche se è faticoso.
Mi ha ricordato che stancarsi è giusto, che le soddisfazioni arriveranno, che ci saranno sempre delle persone pronte a dare supporto.
Mi ha ricordato che sbagliare è normale, ma che possiamo sempre tirarci su e ricominciare.

E quindi sì, non amo per nulla lo sport né le biografie, eppure sono qui a consigliare a TUTTI quanti di leggere Open.
Perché vi ritroverete per forza nelle sue pagine, penserete che la storia di questo tennista pluripremiato non è poi tanto diversa da quella di tutti noi e anzi, è in parte la nostra storia. È in parte anche la mia, nonostante la vita di Andre sia diversa e in apparenza lontanissima da quella di una normale studentessa.

Ho sottolineato praticamente metà libro, vi ho bombardati di citazioni a destra e a sinistra e adesso che è passato un po' di tempo, mi rendo conto che Open mi manca.
Mi sento come se conoscessi davvero Andre, e sento anche di stimarlo. Mi sono pure messa a guardare una sua partita di tennis!!!!
Non so come sia possibile, forse questo libro è speciale o forse ho semplicemente preso una botta in testa.

Fatto sta che non dovete lasciarvi scappare questa storia.

VOTO: 🌞🌞🌞🌞🌞
5

Ringrazio infinitamente Francesca per avermi convinta a comprare questo libro con le sue belle parole.
Lo rileggerò sicuramente più volte.
Un bacione,
Silvia 💓

22 settembre 2017

5 cose che: 5 libri che ho letto da piccola e mi hanno avvicinata alla lettura

Buongiorno a tutti lettori!

Buon venerdì e buon weekend!! Oggi articolo a sorpresa: ritorno, dopo secoli e secoli, con la rubrica 5 cose che, ideata dal blog Twins Books Lovers, che consiste nello stilare appunto una lista di 5 cose riguardanti uno specifico tema. (Qui il post di presentazione).


L'argomento di oggi è:

5 libri che ho letto da piccola e mi hanno avvicinata alla lettura.

Ditemi voi se non è un argomento bellissimo!! Quindi via ai ricordi, ed ecco la mia lista:


18 settembre 2017

Flatlandia - Edwin A. Abbott {Recensione no-spoiler}

Buongiorno a tutti e buon lunedì,
è arrivato oggi il momento di parlarvi di una lettura che ho fatto quest'estate e a cui tengo moltissimo. Fare questa recensione non è semplice per me: il libro di cui sto per parlarvi è geniale, e forse per molti è una lettura leggera e carina, ma per me c'è un mondo intero lì dentro. Ecco la mia esperienza di lettura con Flatlandia di Edwin A. Abbott.

Flatlandia Edwin Abbott recensione felice con un libro

Titolo: Flatlandia
Autore: Edwin A. Abbott
Editore: Einaudi
Data pubblicazione: 1884
Pagine: 133

RECENSIONE

Flatlandia è un mondo a due dimensioni, potete immaginarvelo come un infinito foglio di carta, e su di esso vivono linee, triangoli, quadrati, pentagoni, circoli e tante altre figure geometriche. A descriverci questo mondo e a raccontarci la sua storia è un quadrato, abitante appunto di Flatlandia.

Pensate che sia facile descrivere un mondo a due dimensioni? Sì? Beh forse, per noi che viviamo in tre dimensioni, è facile immaginarselo dall'altro. Ma provate a pensare di viverci dentro. Cosa vedreste? Come vi muovereste? Come riconoscereste, in un mondo piatto, un quadrato da un triangolo, se non potete vederli dall'alto?
Le risposte a tutte queste domande, e a molte altre, ce le da il nostro quadrato protagonista. Egli ci descrive con estrema chiarezza e semplicità, persino con dei disegnini, non solo tutti i problemi tecnici e prettamente geometrici della vita a Flatlandia, ma anche la cultura del popolo, le loro usanze e il loro pensiero, e la loro storia.

Vi faccio un esempio, per capire meglio: gli abitanti di Flatlandia sono divisi in classi sociali, in base alla loro forma geometrica. Distinte da tutti gli altri ci sono le donne, che sono delle linee. Esse sono spesso considerate inferiori ma sono anche pericolose, dato che sono molto appuntite...
Non voglio dirvi altro, questo è soltanto un minimo esempio di quello che la mente dell'autore e riuscita a creare in questo romanzo. Ci sono poi implicazioni sociali, storie di rivolte, descrizioni del clima e chi più ne ha più ne metta.

Ma non è finita qui. Ebbene sì, perché nella seconda parte del libro, il quadrato ci racconta una grande avventura che gli è capitato di vivere e che ha a che fare con una Sfera, proveniente dallo spazio a tre dimensioni: Spaziolandia. Ella è in visita a Flatlandia per comunicare al quadrato delle verità sconvolgenti. Il nostro protagonista ne vedrà delle belle.

Mi fermo qui, perché questo romanzo è tutto da scoprire.

Come avrete intuito, Flatlandia è una favola geometrica.
Immagino sia unica nel suo genere e io, non appena ne ho letto la trama, ho voluto subito averla nella mia libreria.
L'autore ha avuto non solo un'idea brillante ed originale, ma anche una grande immaginazione e soprattutto la capacità di combinare le sue idee con le leggi geometriche e matematiche.
In più, come se non bastasse, leggendo ci rendiamo conto che questa storia, fatta di lunghezze, spessori, angoli e linee, non è solo un esercizio narrativo fine a se stesso, ma è lo spunto per parlare di tanti argomenti importanti e sempre attuali: la visione delle donne nella società, l'importanza del fattore estetico, la chiusura mentale nei confronti del nuovo e del diverso, la genialità di alcuni vista come pazzia. 
Flatlandia è un inno all'immaginazione, un libro che sprona a credere nelle infinite possibilità dell'universo.

Non so se dalle mie parole traspare l'entusiasmo che ho nei confronti di questa lettura, in ogni caso c'è un motivo preciso per questo.
Io amo tutto ciò che è descritto in questo libro, perché amo la matematica e la geometria e il fatto che Abbott le usi per descrivere un mondo secondo me è bellissimo. So che questa passione è mooolto rara e quindi l'idea che l'autore riesca, almeno in parte, a mostrare il lato bello di queste materie scientifiche mi rende felice. Ho visto in giro tante recensioni positive anche da parte di persone che con la matematica non sono mai andate d'accordo, e penso che questa sia una grandissima vittoria.
Spero che,se qualcuno di voi leggerà Flatlandia, possa riconsiderare questi argomenti un pelettino più simpatici.

Comunque, io mi sono davvero divertita tantissimo a leggerlo ed è stata una lettura che ho fatto con il sorriso costante stampato in faccia. Quindi ve la consiglio davvero con il cuore e spero che possa piacere anche a voi.

VOTO: 🌞🌞🌞🌞🌞
5

Se nel corso della lettura di questa recensione vi è venuta spontanea la domanda:
Ma come! Sei fissata con i libri e ami la matematica?? Oppure:
Ma come! Ami la matematica ma sei fissata con i libri??
Sì raga, sono multitasking,
Un bacione

Silvia💗

11 settembre 2017

La morbidezza degli spigoli - Keith Stuart {Recensione}

Buongiorno a tutti ragazzi,
In questi giorni è arrivato il fresco un po' dappertutto e quello che mi consola è che posso leggere avvolgendomi nella mia amata copertina! Non troppo però perché ovviamente sono di nuovo sotto esame..Ci vuole pazienza!! Oggi qui sul blog vi parlo di un altro dei libri finalisti del Gran Premio delle Lettrici di Elle: La morbidezza degli spigoli di Keith Stuart. All'inizio non mi sembrava granché come lettura, ma invece andando avanti sono stata catturata dalla dolcezza della storia, che è semi-biografica.


la morbidezza degli spigoli keith stuart recensione felice con un libro

Titolo: La morbidezza degli spigoli
Autore: Keith Stuart
Editore: Corbaccio
Data pubblicazione: 2016
Pagine: 417

RECENSIONE

Alex, un giovane uomo sulla trentina, ci racconta il difficile periodo che sta attraversando: lui e sua moglie Jody hanno deciso di vivere in luoghi separati per un po' a causa dei continui litigi che li hanno allontanati. Uno dei motivi di tensione tra loro sembra essere Sam, il loro bambino. 
Sam è, a parer mio, il vero protagonista della storia, un piccoletto di 8 anni affetto da un lieve autismo: spesso non riesce a sostenere la realtà che lo circonda ed è invaso da crisi di pianto e urla, è molto emotivo e, quando sta bene, taciturno e riservato.

Inizialmente questo libro non mi convinceva, mi sembrava che Alex colpevolizzasse Sam, che fosse poco comprensivo nei suoi confronti e che facesse pochi sforzi per migliorare la situazione. In alcuni casi le reazioni del figlio erano semplicemente tipiche di un bambino di 8 anni, mentre invece il padre quasi rassegnato, imputava tutto all'autismo.

Piano piano invece Alex inizia a cambiare. Un giorno per caso padre e figlio si ritrovano a giocare ad un videogame in cui è possibile costruire qualsiasi cosa e vivere avventure di sopravvivenza contro vari mostri: Minecraft. Grazie a questo gioco Alex riesce a trovare finalmente un contatto con Sam, che è entusiasta del suo nuovo passatempo e non pensa ad altro. Pian piano Sam e suo padre si scambiano idee sul gioco, su cosa fare e come farlo, e tra una partita e l'altra iniziano a parlare veramente, di tutto. Alex inizia a capire che Sam è un bambino con le proprie idee e i propri sogni, solo con qualche difficoltà ad esprimerli.

Dal momento in cui si verifica questo cambiamento il libro mi è piaciuto molto di più, ho visto un padre animato da un amore vero per il proprio figlio, e un bambino dolcissimo e coraggiosissimo nell'affrontare le difficoltà che la sua condizione gli pone davanti.

C'è comunque qualcosina che non mi ha convinta a livello di storia, troppe situazioni particolari concentrate insieme: un tragico evento del passato che ancora oggi influenza la vita di Alex, una sorella e una madre particolari, una situazione lavorativa in crisi e anche la separazione dalla moglie. Problemi plausibili, ma che tutti insieme forse sono troppo e rischiano di divagare dal tema principale: Sam.

Nonostante questo comunque la cosa fondamentale è una: mi sono affezionata moltissimo a Sam leggendo. E non ho potuto fare a meno di emozionarmi e sorridere molte volte.
Sono felice che questo libro trasmetta un messaggio importantissimo, che tutti dovremmo tenere bene a mente: quando abbiamo a che fare con una persona autistica, sta a noi fare il possibile per aiutarla a superare le sue barriere, per farla sentire accettata e scoprire che ha tanto da dare e da condividere.

E quindi sì, alla fine questo libro mi è piaciuto. Non posso dare un voto molto alto perché sono un po' pignola, ma se l'argomento vi interessa e avete voglia di un po' di dolcezza e tenerezza, beh, ve lo consiglio.

Se amate anche i videogame poi, allora fa proprio per voi! Io non sono molto ferrata, ma devo dire che le descrizioni delle avventure virtuali di padre e figlio non mi hanno mai annoiata e anzi, danno un tocco di originalità al libro.

A fine lettura ho scoperto che l'esperienza narrata è in parte autobiografica: l'autore ha un figlio autistico e probabilmente ha dovuto lui stesso affrontare un percorso di presa di coscienza, così come il protagonista del libro. Penso che questo aspetto si veda, che nella seconda parte della storia traspaia l'amore dell'autore per il figlio.

VOTO: 🌞🌞🌞
3

Come vi sembra questo libro? Avete letto mai qualcosa del genere?

Vi mando un bacio come sempre,
Silvia 💗

4 settembre 2017

Abbiamo sempre vissuto nel castello - Shirley Jackson {Recensione no-spoiler}

Buongiorno a tutti lettori e bentornati sul blog!

Avete presente quelle letture che una volta terminate vi lasciano perplessi, ma che poi nei giorni successivi vi ritornano sempre in mente, lasciandovi addosso una sensazione strana? Ecco, il libro che vi recensisco oggi per me è stata una di quelle letture: Abbiamo sempre vissuto nel castello di Shirley Jackson.



Titolo: Abbiamo sempre vissuto nel castello
Autore: Shirley Jackson
Editore: Adelphi
Data pubblicazione: 1962/2009
Pagine: 182

RECENSIONE


"Merricat, disse Connie, tè e biscotti: presto, vieni.
Fossi matta, sorellina, se ci vengo m'avveleni.
Merricat, disse Connie, non è ora di dormire?
In eterno, al cimitero, sottoterra giù a marcire!"
 
Mary Katherine Blackwood è una ragazza di diciotto anni che vive in una grande villa vicino al paese, insieme alla sorella Constance e allo zio Julian. Visti dall'esterno potrebbero sembrare una normale famiglia, ma così non è.
Tutti gli altri membri dei Blackwood infatti sono morti avvelenati, proprio in quella casa. La tragedia ha portato grosse conseguenze nella vita dei tre superstiti ma, nonostante questo, essi sono riusciti a stabilire una routine quotidiana che li rende abbastanza felici. Mary pero sente che qualcosa sta per succedere, un cambiamento sta per sconvolgere la loro routine e questo non le piace per niente..

Abbiamo sempre vissuto nel castello è un racconto gotico dai toni cupi, che riesce ad entrare sotto pelle piano piano, senza che il lettore se ne accorga.

Stephen King dedica L'incendiaria all'autrice, scrivendo: "A Shirley Jackson, che non ha mai avuto bisogno di alzare la voce".

Ed è proprio così. L'autrice non si avvale di colpi di scena o immagini paurose, ma anzi quasi tutto il libro è il racconto della quotidianità di Mary Katherine, insieme alla sorella e allo zio.
All'inizio sembra quasi che questa descrizione sia un'introduzione a qualcos'altro che deve accadere, c'è un senso di attesa che si instaura nel lettore e che lo rende avido di sapere e di divorare le pagine.
Ben presto però ci accorgiamo che quello che conta è nascosto nel racconto stesso della quotidianità dei protagonisti. Ci rendiamo conto che c'è qualcosa di strano, di sbagliato, nella vita delle due sorelle, e anche in Mary stessa. È lei infatti a narrare la storia, e la sua visione è distorta, disturbata. Non sappiamo se quello che racconta è attendibile o meno. È reale? È tutto nella sua testa? Chi è il buono e chi è il cattivo?

Riti, superstizioni, idee malsane compaiono in continuazione, dettagli macabri sono disseminati in tutto il romanzo, buttati lì come fossero cose normalissime, assieme alle poche informazioni sulla tragica serata. Quella in cui sono morti tutti gli altri Blackwood.

"Il martedì e il venerdì andavo in paese, e il giovedì, giornata in cui i miei poteri erano al massimo, salivo nella grande soffitta e mi mettevo i loro vestiti."

Ci sono dei momenti "clou" in cui effettivamente cose importanti accadono, ma la maggior parte della lettura è quasi statica. Definirei questo romanzo un thriller/horror psicologico.
Con uno stile tranquillo ed elegante Shirley Jackson riesce a instillare un senso di inquietudine persistente, quasi una sensazione di fastidio a volte. Io ce li ho ancora addosso, a distanza di giorni dalla fine del libro.

Come ci riesce?

Tanti temi vengono trattati in questo romanzo: l'odio (dei paesani verso i protagonisti), l'amore (tra le due sorelle), la solitudine e l'isolamento, ma soprattutto l'autrice ci mostra come il male sia nascosto ovunque, soprattutto nella mente degli uomini. Ed è questo che irretisce e sconvolge.

Durante la lettura non avevo realizzato il potere di questo romanzo, è stato soltanto dopo averlo finito che mi sono resa conto della bravura dell'autrice, grazie alle sensazioni che mi ha lasciato, in sole 170 pagine.

È un romanzo ipnotico.
Shirley Jackson vi stregherà e non vi lascerà più andare.

VOTO: 🌞🌞🌞🌞
4

Romanzo straconsigliato a tutti gli amanti del genere ma perfetto anche per coloro che vogliono avvicinarvisi per la prima volta.

Chi altri di voi lo ha letto? Io sono già pronta a comprare L'incubo di Hill House, magari per Halloween 😁

Vi mando un bacione e mi raccomando, fate sempre attenzione a ciò che mangiate.

Silvia 💜